Film

I tre Super Saiyan

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Dragon Ball Z – I tre Super Saiyan dovrebbe essere ambientato cronologicamente durante la saga dei cyborg della serie TV regolare. Tutto inizia dopo il risveglio di C-16, C-17 e C-18. Se nell’anime canonico viene detto che tutti gli androidi precedenti a C-16 erano stati distrutti dal Dottor Gelo, questo lungometraggio va a negare l’affermazione detta poc’anzi. Questa è l’ennesima conferma di come la saga cinematografica di DBZ sia una storia parallela, alternativa alla serie televisiva. In questa nuova avventura, i nostri eroi dovranno affrontare nuovi modelli di androidi del Fiocco rosso, esercito paramilitare distrutto da Goku nella prima serie di Dragon Ball.

Tutto inizia con Goku, la sua famiglia e i loro amici che passano una divertente giornata al centro commerciale, tra compere e pranzi luculliani degni del nostro protagonista. Tali momenti spensierati saranno subito interrotti dai nuovi cyborg del dottor Gelo, da poco attivatisi, che subito localizzano i guerrieri Z. Le prime scene di combattimento sono ambientate in un contesto urbano, un po’ come durante l’apparizione di C-19 e C-20 (lo stesso dottor Gelo). Subito dopo l’ambientazione si sposta al Polo Nord, uno scenario di combattimento sicuramente più facile da illustrare per i produttori del film.

Ne I tre Super Saiyan, vediamo per la prima volta Future Trunks apparire in un film di Dragon Ball Z. Il lungometraggio, come già ribadito del resto, è la saga dei cyborg rimaneggiata e alterata opportunamente, per essere proposta nelle sale cinematografiche, con ovviamente le opportune differenze e le eventuali analogie. Un esempio? Se la spada di Trunks nel cartone animato veniva rotta da C-18, qui è il potentissimo C-13 a farlo.

Dragon Ball Z – I 3 Super Saiyan

A dare manforte a Goku, Vegeta e Trunks (i protagonisti reali di questo film) ci saranno Crilin, Gohan e Junior. Quest’ultimo appare più debole rispetto all’arco temporale relativo della serie animata. Molto probabilmente perché in questo film l’assimilazione del Supremo da parte sua non è ancora avvenuta. C’è da dire che la caratterizzazione grafica dei tre cyborg è davvero ben fatta. Bravi i produttori che hanno saputo in questo film presentare una valida alternativa cinematografica ai cyborg canonici visti in Dragon Ball Z. Il main villain della storia è C-13, il quale ha il potere di assorbire i chip dei suoi compagni sconfitti e di diventare un essere potentissimo, Super C-13, raggiungendo probabilmente un livello pari (se non superiore) allo stesso Cell.

Come al solito, il cattivone sarà sconfitto dall’energia sferica di Goku, ma qui lo staff ha avuto un po’ più di fantasia rispetto al passato: Goku infatti non la getterà direttamente su C-13, ma assorbirà il potere della sfera dentro il suo corpo. Con I tre Super Saiyan abbiamo fatto un passo in avanti dal punto di vista della sceneggiatura, rispetto ai film precedenti. La trama è ben congegnata, in quanto si alterna tra momenti di puro umorismo e scene più drammatiche durante i combattimenti contro i nemici.

I cyborg poi sono degli esseri che hanno sempre avuto un ruolo vincente all’interno del manga: sia per la loro potenza che per il carisma. Anche C-13, C-14 e C-15 non fanno la differenza in questo caso. Non è del resto un segreto che gli androidi abbiano sempre rappresentato una bestia nera per i Super Saiyan. Non a caso nella linea temporale di Future Trunks, Vegeta e Gohan sono stati uccisi da C-17 e C-18, mentre lo stesso Trunks, pur avendo trovato sempre dei modi per combatterli, non è mai riuscito a sconfiggerli da solo. Infatti, per avere possibilità di sconfiggere gli avversari, Goku, Vegeta, Gohan e Trunks hanno dovuto affidarsi alla Stanza dello spirito e del tempo per salire di livello e poter tenere testa agli androidi.

Curioso poi come il potere di assorbire i resti dei cyborg distrutti, sia stato in seguito ripreso in Dragon Ball GT sul personaggio di Lilde. Dopo la distruzione della Squadra Sigma, il generale al servizio del dotto Mieu assorbirà i chip rimasti dei suoi sottoposti, trasformandosi in un mostro simile a Super C-13, raggiungendo una forza combattiva superiore addirittura a quella di Majinbu.

Dragon Ball Z – I 3 Super Saiyan

Ma del resto è tutta farina del sacco di Toriyama. Molti eventi, personaggi e combattimenti che il papà di Dragon Ball aveva intenzione di proporre nel manga (senza averne infine la possibilità) sono stati poi presentati nei vari lungometraggi legati alla sua opera originale. Molto probabilmente, questo processo ha in qualche modo influenzato anche la serie GT.

Da notare poi come il massacro iniziale perpetrato da C-14 e C-15 nella metropoli in cui si trova Goku, sia preso quasi totalmente da quello attuato dal Dottor Gelo e C-19 ad inizio saga degli Androidi. E’ necessario inoltre fare un’altra precisazione. Se ad inizio recensione abbiamo affermato che il film potrebbe essere ambientato (il condizionale è sempre d’obbligo in questi casi!) durante la saga dei cyborg, alla fine una frase di Trunks sembra del tutto abbattere questa ipotesi.

Durante il combattimento contro Super C-13, il figlio di Bulma e Vegeta, afferma: ‘Di voi nel futuro da cui provengo non è rimasto neanche il ricordo. Trunks avrebbe distrutto C-17, C-18 e Cell del suo tempo solo dopo la morte di Goku e la distruzione di Cell per mano di Gohan. Un’incongruenza che va a dimostrare di nuovo come i film di Dragon Ball Z facciano parte di una serie cinematografica a parte, che può essere vista (e goduta) anche senza una profonda conoscenza della serie animata regolare.

Sommario
Data
Titolo
Dragon Ball Z: i tre Super Saiyan
Punteggio
41star1star1star1stargray

Scrivi un commento