Curiosità

L’Universo di Dragon Ball

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Akira Toriyama ha strutturato l’universo di Dragon Ball in maniera abbastanza approfondita. La dimensione del Dragon World è formata da quattro galassie: Est-Ovest-Nord-Sud. La Terra, il pianeta su cui si svolgono la maggior parte delle avventure di Goku e dei suoi amici, si trova nella galassia del Nord. Da notare come in tale galassia fosse presente anche il pianeta Vegeta, in seguito distrutto da Freezer.

La Terra del Dragon World è in realtà poco somigliante al reale pianeta su cui abitiamo noi. Infatti, i continenti sono del tutto diversi, così come le nazioni che sembrano non esistere affatto. Come dice Al Satan nel manga di Dragon Ball, il mondo è qui diviso non in stati, ma in 43 grandi quartieri e le metropoli principali sono la Città del Nord, la Città del Sud, la Città dell’Est, la Città dell’Ovest e Central City (da non confondere ovviamente con le omonime metropoli di Flash o di Full Metal Alchemist). Quest’ultima è la capitale dell’intero pianeta, sede del re del mondo. Queste tecnologiche metropoli fanno da contrasto al resto delle città minori e dei villaggi che hanno una struttura molto più spoglia e rurale, tanto che alcuni popoli vivono ancora allo status medioevale!

La moneta principale utilizzata dagli abitanti del pianeta è lo zeni, molto simile allo yen giapponese.

Peculiarità dei terrestri è il fatto che alcuni di loro siano animali antropomorfi, come lo stesso Oscar, ma non solo! Anche lo stesso sovrano della Terra è un cane baffuto con tanto di occhiali. Sembra tuttavia che non sia presente, apperentemente, alcuna forza di razzismo tra questi e i normali eseri umani. Questo simpatico elemento era già stato proposto da Akira Toriyama nella sua opera precedente dottor Slump e Arale. Non dimentichiamo inoltre che la maggior parte dei manga di Toriyama sono proprio ambientati nel Dragon World. Non a caso, in un episodio della prima serie, Arale e Goku si incontrano e combattono insieme il generale Blu del Fiocco rosso.

La civiltà terrestre vanta in Dragon Ball un modo di vivere a dir poco futuristico: macchine volanti, pistole laser, abitazioni che sembrano più navi spaziali ed altre caratteristiche a dir poco strambe, che sono un marchio di fabbrica dell’autore. La maggior parte degli oggetti, dei veicoli e delle stesse case, possono essere portate comodamente ‘in tasca’, trasformandole in capsule oplà. Queste sono un meraviglioso ed utilissimo prodotto della tecnologia creato dalla Capsule Corporation. L’azienda è di proprietà del fottor Brief, padre di Bulma. I Brief sono non a caso la famiglia più ricca del mondo.

A dispetto delle divinità che compaiono del Dragon World, le religioni della Terra dovrebbero essere, più o meno, le stesse del nostro mondo. Crilin, non a caso, era in passato un monaco buddhista del tempio Orinji. Inoltre, quando in un episodio di Dragon Ball Z il guerriero immagina il matrimonio con la sua prima fidanzata Marion, i due escono da una chiesa cristiana.

Uno degli eventi cardine della Terra è il Torneo di arti marziali, conosciuto anche col nome di Tenkaichi. Esso, inizialmente, si teneva ogni cinque anni, ma visto il lungo lasso di tempo, il torneo viene svolto ad un certo punto della storia ‘solo’ ogni tre anni. Volendo fare un confronto, esso è un po’ il corrispettivo, dal punto di vista dello sport, ai nostri mondiali di calcio ed Olimpiadi. Il Tenkaichi si tiene presso l’isola di Papaya e ad esso partecipano i combattenti più forti del mondo.

La Terra ha conosciuto in passato periodi critici, come per esempio l’impero del grande Al Satan, instaurato alcuni secoli prima della storia di Goku. Un’età oscura in cui il mondo divenne un vero e proprio inferno e dove ogni legge fu deposta a favore di ogni atto criminale e nichilismo più sfrenati. L’apocalisse fu scongiuarata dall’intervento del leggendario maestro Mutaito (mentore del Genio delle tartarughe e di Condor). Il guerriero riuscì ad intrappolare il re demone, tramite l’onda sigillante, salvando così il pianeta.

Scrivi un commento