Curiosità

Le divinità in Dragon Ball Z

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Le divinità occupano un ruolo fondamentale nell’universo di Dragon Ball. Andiamo ad esaminare la gerarchia divina presente nel manga di Akira Toriyama, a partire da quelle del pianeta Terra. Da notare come gli dei di Dragon Ball siano stati creati secondo la concezione buddista di tale titolo. Infatti, pur avendo poteri speciali e pur essendo al di sopra dei normali esseri viventi, anche essi sono sottoposti allo scorrere della ruota dell’esistenza. Seppur vivano molto più dei normali esseri umani, anche gli dei hanno dunque una nascita ed una morte.

Iniziamo da Balzar. Il gatto residente nel famoso obelisco scalato da Goku dopo essere stato sconfitto da Taipai, è il primo essere ‘celeste’ che appare nella serie. Balzar è il custode dell’acqua sacra che, secondo la leggenda, offre a chi la beve un aumento di forza incredibile. In realtà, si tratta di semplice acqua di sorgente. Tuttavia, lo stesso Balzar custodisce nella sua residenza anche l’acqua del supremo, un liquido meraviglioso che, al contrario della precitata acqua sacra garantisce un effettivo aumento di potenza. Tuttavia, l’acqua è in realtà un veleno e se colui che lo beve non è in grado di resistere al suo effetto, è destinato a morire.

Al di sopra di Balzar vi è il Supremo, il dio della Terra. Questo è un ruolo a cui solo gli individui dal cuore puro possono aspirare. Il Supremo ha il potere della creazione sulla Terra. Il primo che appare nella serie Dragon Ball è il creatore delle sfere del drago originale e quindi ache del Drago Shen-Long. Lo stesso drago magico può essere considerato una vera e propria divinità, tanto è vero che nell’edizione italiana del manga si riferisce a lui come Dio Drago, dando quindi l’idea della provenienza celeste di tale essere. Shen-Long, pur essendo una creazione del Supremo, dimostra avere per certi aspetti anche poteri più efficaci del suo genitore.

Il drago ha infatti il potere di resuscitare la gente morta, cosa che il Supremo, nonostante sia il dio più importante del pianeta, non è in grado di fare. Tuttavia, Shen-Long ha la facoltà di riportare in vita un determinato individuo solo una volta e a patto che non sia morto di vecchiaia o per altre cause naturali.

Su Namecc abbiamo il corrispettivo del Supremo nella figura del Capo anziano. Si tratta del namecciano più antico del pianeta. Secondo la storia, Namecc secoli fa fu sconvolto da un cataclisma che annientò l’intera popolazione. Solo colui che sarebbe divenuto l’anziano saggio sopravvisse e ripopolò il pianeta generando una nuova stirpe di namecciani.

Sopra l’universo vi è il regno degli inferi, popolato dalle anime dannate e custodito dai due oni supremi Gozu e Mezu. Sopra di loro vi è Re Enma, giudice dei morti. E’ lui a decidere chi va in Paradiso od all’inferno. Tuttavia, nonostante il grande potere di cui gode, secondo la religione buddhista anche Enma è soggetto al Samsara (ruota dell’esistenza). Sopra di lui vi sono i quattro re Kaioh, guardiani delle quattro galassie di cui l’universo è composto: est, ovest, nord e sud.

I re Kaioh sono assistiti e controllati dal grande Re Kaioh, che vive su un grande pianeta nei piani più alti del mondo divino. Il grande Re Kaioh, secondo quello che si dice, è una delle divinità più potenti , ma il suo carattere è tutt’altro che serio e solenne: si tratta di un arzillo vecchietto con tanto di occhiali da sole, amante della musica e delle belle auto. Il grande Re Kaioh ha inoltre un particolare accento, molto simile a quello di Enzo Ferrari.

Al di sopra del grande Re Kaio vi sono le divinità più importanti dell’universo, i Kaioshin. Essi risiedono sul pianeta dei Kaioshin ed hanno il massimo potere su tutto il creato. Inizialmente, i Kaioshin erano 5: Kaioshin del nord, del sud, dell’est, dell’ovest il capo dei Kaiohshin. Ognuno di loro aveva forza superiore a mostri come Freezer. La loro razza venne distrutta da Majinbu e solo il Kaiohshin dell’est riuscì a sopravvivere alla furia omicida del mostro. Ancor prima, esisteva Kaiohshin il sommo, il più antico Kaiohshin di sempre, che venne rinchiuso all’interno della spada Z distrutta da Gohan. Con la rottura di tale spada, il Sommo venne liberato.

Scrivi un commento